4 attrazioni naturali che rendono il Venezuela una meta imperdibile

DatA

4 attrazioni naturali che rendono il Venezuela una meta imperdibile

image_pdfimage_print

a cura di Redazione

Il Venezuela rientra tra i paesi più belli del sud America, situato sulla costa settentrionale e ricco di isole paradisiache. Spesso viene dimenticato dalle guide di viaggi in quanto considerato troppo pericoloso per i turisti più inesperti, ma se organizzata con il giusto buon senso non potrà che rimanere un ricordo stupendo di questa vacanza. Preparatevi quindi ai paesaggi andini che incontrano quelli più tipicamente venezuelani, con vegetazione bassa ed erbosa, in quanto questo paese è in grado di offrire panorami molto diversi tra loro. Vediamo insieme cosa non può mancare nel vostro itinerario di viaggio.

Salto Angel

Sul corso del Rio Churun è possibile ammirare uno degli spettacoli della natura più mozzafiato del mondo, ovvero il Salto Angel, una cascata alta 979 metri, Patrimonio UNESCO.  La fonte parte dall’altopiano di Auyantepui, nella foresta Amazzonica, all’interno del Parco Canaima, mentre la cascata è quella con il più alto dislivello al mondo, nonostante sia molto meno famosa rispetto alle cascate del Niagara o di Iguazu. Questo, probabilmente in quanto raggiungerla è una vera e propria avventura: il Salto Angel va conquistato camminando e navigando il fiume, e si tratta quindi di un’esperienza adatta per chi ama davvero molto la natura.

La Gran Sabana

Si tratta del Grande Altopiano, un’immensa regione ricoperta di una prateria dominata dalle tepuis, ovvero montagne dalla cima piatta che erano sacre agli Indios. Si tratta di paesaggi molto particolari, tanto da essere utilizzati come location per il film Jurassic Park. L’unica città presente qui è Santa Elena, al confine con il Brasile, ove vivono gli Indios Pemon nei loro villaggi. Raggiungere la Gran Sabana è possibile tramite i moltissimi tour che attraversano gli antichi villaggi dei minatori e il costo si aggira sui 270 euro circa.

Los Roques

A circa 160 km da Caracas si trova Los Roques, ovvero un arcipelago anche noto come “La piccola Polinesia del Venezuela”. Sono in tutto 50 le isole coralline che lo formano, con spiagge tropicali, sabbia bianca, e acqua di cristallo, un vero e proprio paradiso tropicale venezuelano. Si tratta poi della meta perfetta per chi ama gli animali, in quanto la fauna acquatica è ricchissima, e sull’isola Los Conquises si possono ammirare i famosissimi fenicotteri rosa. Birdwatching, snorkeling, trekking ed escursioni in barca sono solo alcune delle esperienze che potrete fare in questo meraviglioso arcipelago.

Parco di Mochima

Si tratta di un parco marino composto da spiagge, golfi e zone montagnose, e in grado quindi di alternare molti paesaggi di diverso tipo. Si trova a nord del Venezuela, tra Puerto la Cruz e Cumanà, due città meravigliose in cui vale la pena fare una tappa. Come Lo Roques anche Mochima presenta sabbie bianchissime, acque cristalline e una varietà di fauna marina invidiabile (è persino possibile osservare i delfini). Una volta giunti a Caracas impiegherete circa 30 minuti di volo o 4 ore in auto per raggiungere il parco.

Organizzare il viaggio

Passiamo ora a qualche consiglio per l’organizzazione, partendo dal clima: le temperature sono sempre piuttosto calde, ci si aggira intorno ai 30°C di giorni e i 25°C di notte e non vi è molta umidità, a meno che non si entri nella foresta Amazzonica. Pertanto, bisognerà mettere in valigia capi piuttosto leggeri e comodi per permettervi di fare tutte le attività in modo naturale; un paio di sandali da donna per lei e sneakers leggere per lui andranno benissimo, così come shorts e t-shirts. Per quanto riguarda i documenti, invece, è necessario avere un passaporto con validità residua di almeno sei mesi dalla data di arrivo, mentre il visto turistico non è necessario per un periodo massimo di 90 giorni di permanenza.

Sebbene il Venezuela non sia tra le mete più ricercate dai turisti, si tratta di un luogo che offre paesaggi ed esperienze meravigliose: l’importante, è organizzare il viaggio con la giusta attenzione.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati