Cous cous marocchino: un piatto antico che si mangia di venerdì

Categorie


GUSTO

Cous cous marocchino: un piatto antico che si mangia di venerdì

01/12/2016

moroccan-couscous

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Il venerdì in Marocco, e in tutti i Paesi islamici in generale, è un giorno speciale. Nei suq c’è maggiore calma, i negozi sono chiusi fino al tardo pomeriggio, gli uomini trascorrono qualche ora all’hammam prima della preghiera di mezzogiorno e le donne, a casa, preparano il tradizionale cous cous marocchino da gustare poi insieme, dopo le letture sacre e tra le risate dei bambini che sono a casa da scuola. Insomma, è la versione islamica del nostro pranzo della domenica.

Cous cous marocchino: un’affare di famiglia

La preparazione del cous cous è lunga ed elaborata. Innanzitutto, le donne devono recarsi al mercato per procurarsi gli ingredienti necessari: verdure – sette per la precisione -, spezie, uvetta e prezzemolo fresco. Una volta a casa si mettono a cuocere le verdure nel brodo e, intanto, si prepara la semola che in Marocco non è certo precotta come quella che si trova in Italia.

Si versa il cous cous in una capiente ciotola, si cosparge di olio e poca acqua alla volta e si inizia a lavorare con le mani, fino a che non si sono formate delle piccole perle di sole tra le dita. Si mette poi a cuocere a vapore e dopo circa due ore si sarà gonfiato al punto giusto, pronto per essere condito con il brodo a base di verdure e spezie. Per aggiungere un po’ di dolcezza, si completa il piatto con una miscela di uvetta e cipolle caramellate, oltre a tanto prezzemolo tritato.

Secondo tradizione, il cous cous marocchino viene mangiato con le mani facendo delle piccole palline che vengono portate alla bocca con la mano destra. Da bere, il classico e ottimo tè alla menta, che negli utlimi anni viene servito con lo zucchero a parte in modo che ognuno possa scegliere il livello di dolcezza per la propria bevanda.

I viaggiatori possono trovare facilmente il cous cous nei menu dei ristoranti, ma è consigliabile sceglierlo di venerdì, quando ne viene preparata la versione migliore.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA