Viaggio in Slovenia tra grotte carsiche, laghi sotterranei, canyon e castelli nella roccia - TravelGlobe

Categorie


CUORE

Viaggio in Slovenia tra grotte carsiche, laghi sotterranei, canyon e castelli nella roccia

29/12/2017

di Melania Bresciani

Un Paese, mille paesaggi, dove il colore predominante è il verde di una natura incontaminata. La Slovenia regala ai visitatori panorami diversi e affascinanti: dai boschi rigogliosi, alla pianura pannonica, alle doline carsiche, alle Alpi Giulie nella zona occidentale, al mare Adriatico sulla costa.

Per questi motivi, è un Paese dove difficilmente ci si annoia, soprattutto per chi cerca vacanze attive, natura incontaminata e un po’ d’avventura.

Da vedere assolutamente, data anche la sua vicinanza con l’Italia, è la zona del Carso, che va dal confine italiano fino a Lubiana, la capitale.

Il Carso è molto famoso per il suo misterioso mondo sotterraneo e le grotte, circa 12mila, che presentano quasi tutte una temperatura costante di circa 10 gradi.

Il canyon sotterraneo delle Grotte di San Canziano

Le grotte di San Canziano (Škocjan Jama) si trovano nel Carso classico, a pochi chilometri da Divaccia, in Slovenia, e a 15 km da Trieste. Sono state scavate dal fiume Reka, che proprio qui scompare nel sottosuolo, tornando in superficie solo a 34 km di distanza, nel Golfo di Trieste. Il canyon sotterraneo creato dal fiume in milioni di anni è lungo circa 2,5 km ed è il più grande finora conosciuto al mondo. Si può ammirare dall’alto attraversando il ponte sospeso, a circa 45 metri di altezza, rendendosi conto della sua grandezza e particolarità. Le grotte sono composte da numerose sale e caverne, gallerie, doline di crollo, ponti, stalattiti e stalagmiti e varie cascate: dal 1986 sono Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Insieme alle Grotte di Postumia, le Grotte di San Canziano sono tra le attrazioni più famose, che attirano ogni anno migliaia di turisti.

I laghi sotterranei delle Grotte di Križna

Grotte incontaminate, senza luci artificiali e famose per i 22 laghi sotterranei, dalle acque cristalline di smeraldo.

Meno turistiche e conosciute rispetto alle Grotte di San Canziano e di Postumia, le Grotte di Križna (Križna Jama) offrono un’esperienza autentica e particolare da fare in Slovenia, nel totale rispetto della natura. Si trovano nell’area di Bloška Polica, a circa un’ora da Trieste e mezz’ora da Postumia. L’ingresso alla grotta si effettua con l’ausilio di torce, che vengono fornite insieme a stivali di gomma. Con la guida turistica si procede a piedi per circa 500 metri, fino ad arrivare al primo lago sotterraneo, dove è prevista un’emozionante escursione in gommone. Se si spengono le torce, il buio è totale, profondo, denso, quasi da brividi, e l’unico rumore che si sente è lo scrosciare dell’acqua. Le visite disponibili, su prenotazione, possono durare da un’ora a sette ore, in base al livello delle acque, all’esperienza e interesse dei visitatori.

Le grotte di Postumia, una città sottoterra

Le celebri grotte di Postumia si trovano nella località di Postojna, a 40 minuti da Trieste. Grazie ai 24 km di fenomeni carsici, caverne sotterranee, sedimenti di calcite, gallerie naturali, sculture calcaree, stalattiti e stalagmiti di ogni forma ed età, laghi e fiumi sotterranei, e una biodiversità della fauna unica al mondo: le Grotte di Postumia sono tra più visitate al mondo. Aperte al turismo da 200 anni, hanno accolto circa 38 milioni di visitatori dal 1818.

Un trenino elettrico porta i visitatori per 2 km all’interno della grotta, fino al Grande Monte, per poi procedere per un altro paio di km a piedi sul sentiero illuminato. Il primo impatto è travolgente, emozionante e lascia a bocca aperta chiunque: le grotte sono enormi, alcune colonne di stalattiti e stalagmiti sono alte anche 30 o 50 metri, e hanno milioni di anni. Il simbolo delle Grotte di Postumia è il “Brillante”, una colonna di stalagmiti alta 5 metri, che si trova nel punto più profondo, a circa 115 metri dalla cima della montagna. Il “Brillante” si chiama così a causa del colore estremamente bianco, lucente e luminoso, che sembra quasi neve, dato dal carbonato di calcio. Un altro fenomeno naturale molto particolare e insolito sono le stalattiti “a tenda”, che si creano nei punti più ventilati delle grotte, e sembrano dei veli, colorati e al vento.

In questa città sotterranea vivono circa 150 specie di animali, ma è il proteo (Proteus Anguinus) a essere il protagonista e la star delle Grotte di Postumia. Il proteo è il più grande e famoso animale che vive nel sottosuolo ed è una specie protetta: è lungo circa 30 cm, è rosa pallido, senza occhi, con le branchie e con quattro zampine. Lo si può ammirare da vicino nella vasca del Vivaio, dove i cuccioli, nati a maggio 2016, stanno crescendo in un ambiente protetto. Altrimenti, gli amanti dell’adrenalina, possono cercare di vedere il proteo nel suo habitat naturale, scegliendo un’escursione speciale: in piccoli gruppi, con una guida qualificata, e con attrezzature adeguate, si visitano le parti chiuse al turismo di massa, più difficili e cariche di mistero.

Il Castello di Predjama, il rifugio del Robin Hood sloveno

A 9 km da Postojna e dalle Grotte di Postumia, si erge possente tra le rocce a strapiombo sul torrente Lovka il Castello di Predjama: il castello più grande al mondo costruito in una grotta, a 123 metri di altezza. Il Castello di Predjama è un luogo in cui il fascino e il mistero si fondono in una storia e un’architettura particolare e unica al mondo, per questo è una delle attrazioni più famose del Paese. Durante il XV secolo il castello era abitato dal cavaliere Erasmo, conosciuto anche come Robin Hood della Slovenia. Erasmo resistette agli assedi austriaci per un intero anno, grazie alla posizione strategica del castello, alle numerose gallerie e al sistema di grotte segrete, che dal castello portano in superficie, dall’altra parte della roccia. Nella stagione estiva, è possibile percorrere lo stesso cunicolo segreto che permise a Erasmo di resistere così tanto tempo sotto assedio. La facciata rinascimentale che si vede oggi è stata modificata nel 1570 dalla famiglia Kobenzi, successivi proprietari del Castello di Predjama.

Info: Ente del Turismo sloveno

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA