Alto Adige Balance: segreto di benessere

Categorie


CORPO

Alto Adige Balance: segreto di benessere

12/04/2018

di redazione | @travelglobemag

Rigenerarsi a contatto con la natura è uno dei modi più semplici ed efficaci per trovare il contatto con se stessi, abbandonando la frenesia che intossica le giornate. Lasciare che lo stress si perda tra i pendii delle Dolomiti, restando ad ascoltare solo il cinguettio degli uccellini e respirando il profumo dei fiori di montagna. Tutto questo è l’Alto Adige Balance: una filosofia di vita che porta a ritrovare il giusto ritmo, scandito dagli elementi della natura.

Scordate l’agenda, gli appuntamenti, lo squillo incessante del telefono e gli impegni improrogabili: in Alto Adige ci si deve dedicare solo al proprio benessere. Ma qual è il modo migliore di rigenerarsi?

Ritrovare la forma

Con l’allungarsi delle giornate è più piacevole stare all’aria aperta. Evi Amhof, esperta di escursioni, vi porterà alla scoperta di un itinerario che parte dalla malga Möltner Kaser fino a raggiungere gli “omini di pietra”. Un punto panoramico privilegiato, a 2.000 metri di altezza, per assistere allo spettacolo dell’alba e ammirare il grandioso paesaggio circostante, immersi nella quiete più totale. Al termine dell’escursione, una profumata colazione a base di prodotti locali naturali, con miele, mele ed erbe aromatiche.
Movimento

Fare esercizio fisico alle prime luci del giorno offre un’esperienza energizzante, regalando un prolungato benessere. Da Siusi, di camminata o di corsa, si arriva a Telfen nel bosco di Laranza. Dopo un drink rinfrescante e riequilibrante nel bosco e gli esercizi di stretching, si riparte alla volta di una sana colazione nel fantastico punto panoramico sulla Königswarte nel bosco di Laranza, dove Rudi Brunner ed Egon Zuggal forniranno utili informazioni sulla corretta alimentazione di escursionisti e podisti.

In armonia con gli elementi

Passeggiare prestando attenzione alla respirazione è un ottimo esercizio di consapevolezza. Con i polmoni pieni di ossigeno, si cammina in un luogo dal grande potere energetico inalando in modo consapevole l’aria fresca di montagna e godendo della magnifica vista sul gruppo delle Odle nelle Dolomiti, dichiarate dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Attraversando la distesa gialla dei prati di tarassaco, si percepisce il profumo delle erbe, fino a raggiungere la collina sacra con la Chiesetta di Santa Maddalena, un luogo che emana pace e tranquillità. Qui si impara a conoscere gli effetti della respirazione consapevole, in modo da renderla un’abitudine quotidiana.

I benefici dell’acqua

Il metodo Kneipp è noto per stimolare il metabolismo e la circolazione in maniera naturale, rafforzando il sistema immunitario. In presenza di malattie croniche e di disturbi nervosi, la terapia dell’acqua Kneipp può risultare di grande sollievo, per esempio nel caso di mal di testa ed emicranie, disturbi del sonno, allergie, irrequietezza nervosa. Ci sono oltre 120 diversi trattamenti secondo il metodo Kneipp – alcuni di essi vi saranno presentati in quest’occasione insieme a preziosi consigli pratici per poterli fare anche a casa. Si andrà alla scoperta dei sentieri d’acqua tra Rablà e Parcines accompagnati da Elisabeth Angler, esperta nel campo della tutela della salute, dell’erboristeria, della consulenza in ambito biologico e della riflessologia plantare e terapeuta Kneipp.

Erbe e buon cibo

Accompagnati dalla guida alpina Andreas Reier, si potrà visitare la malga Kradorfer, situata in fondo alla Val Casies. Sarà l’occasione per scoprire la vita in malga e il tradizionale allevamento di buoi, la cui carne è particolarmente famosa grazie all’alimentazione naturale degli animali, basta su se erbe selvatiche e gustose come tarassaco, acetosa, trifoglio e cinquefoglie. Presso la malga, inoltre, saranno servite le creazioni dello chef stellato Herbert Hintner: raffinata gastronomia regionale a base di salutari prodotti locali e arricchita dalle fresche erbe selvatiche tipiche della primavera.

Per conoscere, invece, le proprietà delle erbe officinali, basta partecipare all’escursione con Franz Tapfer: sarà anche l’occasione scoprire la storia naturale e culturale della Val Venosta. Franz è un maestro elementare in pensione ed esperto di erbe selvatiche e del loro utilizzo in cucina e nella farmacia casalinga.

Info: Alto Adige Balance